L'Islanda, con la sua aria pulita, le sue acque pure e la natura incontaminata, è il nostro paese natale e la nostra destinazione più importante. Una delle più grandi risorse dell'Islanda è la sua natura selvaggia e vogliamo che rimanga tale. Ecco perché noi di Icelandair abbiamo tanto a cuore le questioni ambientali.

Abbiamo adottato una politica ambientale che ci serve come riferimento ogni volta che la compagnia evolve e implementa nuove tecnologie e pratiche. L'obiettivo fondamentale della nostra politica è ridurre al minimo l'impatto ambientale complessivo di Icelandair e stabilire pratiche sostenibili ottimizzando l'impiego delle risorse a nostra disposizione.

Di seguito potete trovate informazioni dettagliate su questioni specifiche e sulle misure adottate da Icelandair per affrontarle.

Icelandair e i cambiamenti climatici: obiettivo "impatto zero"
I cambiamenti climatici sono la questione ambientale più spinosa del mondo contemporaneo e, quando si valutano le soluzioni più appropriate per contrastarli, l'impatto dell'industria del trasporto aereo deve essere preso in considerazione. Per comprendere meglio la situazione, potete esaminare la relazione del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (Intergovernmental Panel on Climate Change, IPCC, che opera sotto l'egida dell'ONU e nel 2007 ha ricevuto il Premio Nobel per la pace insieme all'allora vicepresidente degli Stati Uniti Al Gore).

Secondo la relazione il trasporto aereo pesa per il 2-3% per emissioni di gas serra. Anche se questo valore può sembrare minimo, Icelandair prende molto sul serio il suo ruolo nel ridurre a zero tali emissioni. In linea con gli obiettivi dell'associazione internazionale per il trasporto aereo (IATA, International Air Transport Association), Icelandair continuerà ad adoperarsi per ridurre le emissioni di carbonio. Il nostro impegno è volto a garantire una crescita neutra in termini di bilancio di carbonio entro il 2020 e appoggiamo pienamente la visione di IATA di arrivare a emissioni pari a zero entro il 2050.

La flotta di Icelandair: aeroplani più ecologici
Al fine di ridurre le emissioni è essenziale disporre di aeroplani efficienti in termini di consumo di carburante e, in quest'ottica, Icelandair si è avvalsa di numerosi miglioramenti tecnologici nella progettazione e nell'aeronautica degli aeroplani. A titolo di esempio, abbiamo installato delle alette di estremità sui nostri B757-200. Questi semplici componenti consentono di diminuire il consumo di carburante di oltre il 4% riducendo la resistenza al vento, con una riduzione conseguente delle emissioni.

Nella nostra flotta abbiamo anche integrato nuove tecnologie, quali il P-RNAV (Precision Area Navigation) e ADS-B (Automatic Dependent Surveillance-Broadcast), un'innovazione del sistema di navigazione che contribuisce al controllo del traffico aereo. Il nuovo sistema non limita la sorveglianza al sedime aeroportuale, consentendo la navigazione spaziale e il posizionamento satellitare di precisione degli aeroplani opportunamente equipaggiati. La nuova tecnologia riduce la separazione di sicurezza minima di tali velivoli da 80 miglia nautiche a sole 5 miglia nautiche, il che permette di avere rotte molto più efficienti dal punto di vista energetico e, a sua volta, riduce le emissioni.

Ove possibile, utilizziamo procedure di discesa continua e di abbattimento del rumore, che non solo riducono l'inquinamento acustico, ma consentono anche di risparmiare carburante e ridurre le emissioni. Icelandair, inoltre, utilizza ove possibile il rullaggio a motore singolo, velocità di crociera, rotte e altitudini di crociera variabili, oltre alla tecnica della crociera ascendente; tutte misure che mantengono le emissioni al minimo.

Un approccio olistico: energia rinnovabile
Siamo realmente intenzionati a mantenere Icelandair a ridotto impatto ambientale e i nostri interventi non si limitano alla cabina di pilotaggio e alla progettazione dei velivoli.

A bordo dei nostri aeroplani abbiamo ridotto la quantità della carta trasportata e dell'acqua di riserva conservata nel serbatoio, abbiamo attuato la vendita di pasti su tutti i voli e abbiamo ridotto il numero di articoli conservati nella dispensa (quali vasellame in vetro, piatti, menu, riviste, ecc.). 

I nostri sforzi si sono tradotti in voli a impatto ambientale ridotto e, contemporaneamente, cerchiamo con ogni mezzo di garantire una gestione amministrativa e operativa ecologicamente corretta.

Le misure prioritarie della nostra cultura di lavoro includono il riciclaggio della carta, delle bottiglie e delle lattine e lo spegnimento dei computer a fine giornata. Inoltre, utilizziamo più computer da tavolo per ridurre il consumo di energia. Per quanto riguarda l'energia, i nostro uffici in Islanda sono all'avanguardia: utilizziamo energia elettrica proveniente al 100% da fonti rinnovabili (energia idraulica e geotermica) e l'impianto di illuminazione è dotato di timer, in modo che le luci non rimangano accese tutta la notte qualora ci si dimenticasse di spegnerle.

Da tempo disponiamo dei biglietti elettronici per i nostri voli (e speriamo di riuscire al più presto a eliminare del tutto i supporti cartacei) e un numero sempre più elevato di procedure sono passate dal supporto cartaceo al formato online. Questo formato è più comodo per i passeggeri ed è sicuramente una soluzione migliore per l'ambiente, perché riduce lo spreco di carta.

Fondo carbonio islandese: piantumazione di alberi
L'ultima misura adottata per il nostro impegno ecologico è il partenariato con il Kolviður Iceland Carbon Fund, che coinvolge i nostri clienti nel processo di rendere il trasporto aereo più rispettoso dell'ambiente. Acquistando i biglietti online, tutti i nostri clienti ora possono scegliere di compensare le emissioni di carbonio generate dalla loro porzione di volo.

Questo sistema di compensazione prevede la piantumazione di alberi e la coltivazione di foreste in Islanda (il fondo include anche progetti forestali ai tropici). La piantumazione degli alberi è un metodo riconosciuto a livello internazionale per il sequestro del carbonio. Le foreste contribuiscono all'assorbimento della maggior parte di anidride carbonica dall'atmosfera: nel processo producono ossigeno, nostro supporto vitale, e di fatto fungono da "polmoni" del mondo.

La coltivazione delle foreste è particolarmente importante in Islanda, perché aiuta a combattere l'erosione e a ripristinare l'equilibrio ecologico del paese. Aspetto ancor più importante, la compensazione delle emissioni consente ai passeggeri di contribuire a contrastare i cambiamenti climatici.

Ecologizzazione del personale di terra
Icelandair ha collaborato con Icelandair Ground Services (IGS) all'aeroporto internazionale di Keflavik per creare uno degli equipaggi di terra più rispettosi dell'ambiente del settore.

Tutti i carrelli e i veicoli dell'aeroporto utilizzano i carburanti più ecologici disponibili (inclusi biocarburanti e gas naturali). Il personale di terra è impegnato in iniziative comuni per ridurre al minimo l'utilizzo di carburante, limitando la guida sulle rampe di accesso e la corsa libera dei sistemi per la movimentazione (due pratiche che comportano un consumo di carburante elevato). Inoltre, poiché IGS sta programmando l'evoluzione futura delle proprie attività, si sta procedendo al passaggio da sistemi alimentati a carburante a sistemi elettrici (le attività di Icelandair in Islanda sono alimentate con energia elettrica prodotta al 100% da fonti rinnovabili).

Sviluppo di un'economia verde a livello internazionale
Pur sapendo che le attività di Icelandair sono quanto più possibile ecologiche, siamo anche consapevoli del fatto che è necessario promuovere prassi sostenibili ed ecologicamente corrette nel settore del trasporto aereo a livello mondiale.

Icelandair lo sta già facendo a livello nazionale, dando il proprio sostegno all'iniziativa del Cielo unico europeo avviata dall'Organizzazione europea per la sicurezza della navigazione aerea (EUROCONTROL). Il programma rappresenta un passo importante verso la creazione di uno spazio aereo unito ed efficiente in Europa, che prevede la riconfigurazione delle rotte di navigazione sulla base dei flussi di traffico aereo piuttosto che sui confini nazionali.

Allo scopo di costituire una comunità di operatori del trasporto aereo in Europa, Icelandair sostiene anche la creazione di un sistema per lo scambio di quote di emissioni in Europa, previsto per il 2012. Riteniamo che questo sistema di scambio sia un modo efficiente per limitare l'impatto ambientale delle emissioni e siamo lieti che il trasporto aereo sia stato inserito in questo progetto. Siamo certi che grazie a questo sistema altri operatori del trasporto aereo seguiranno l'esempio di Icelandair e assumeranno un ruolo attivo al fine di ridurre al minimo l'impatto del nostro settore sull'ambiente. Grazie alla cooperazione e al coordinamento dei nostri sforzi con i nostri colleghi possiamo ottenere risultati migliori per rendere il trasporto aereo il più ecologico possibile.

Iceland Carbon Fund
L'aumento delle concentrazioni di gas a effetto serra, come il biossido di carbonio, nell'atmosfera derivanti dall'utilizzo di carburanti fossili (petrolio, gas, carbone) è stato correlato ai cambiamenti climatici. Il mutamento climatico è considerato una delle sfide ambientali di maggiore portata che il mondo deve affrontare.

Il Kolviður - Iceland Carbon Fund - intende contrastare tali cambiamenti consentendo a individui, famiglie, aziende e istituzioni di compensare le proprie emissioni di carbonio correlate ai trasporti. La compensazione del carbonio acquistata dal fondo viene destinata alla piantumazione di alberi e alla coltivazione di foreste in Islanda (il fondo prevede anche progetti forestali ai tropici), ma la piantumazione degli alberi è un metodo riconosciuto a livello internazionale per il sequestro del carbonio. Le foreste contribuiscono allo scambio della maggior parte di CO2 tra la terra e l'atmosfera: nel processo producono ossigeno, nostro supporto vitale, e di fatto fungono da "polmoni" del mondo. L'imboschimento è particolarmente importante in Islanda. Al momento dell'insediamento le foreste coprivano un terzo del paese, ma oggi coprono solo l'1,3% del territorio. La massiccia deforestazione e la conseguente erosione hanno reso l'Islanda uno dei paesi più colpiti dall'erosione in Europa. La piantumazione degli alberi in Islanda aiuta a combattere questo fenomeno e a ripristinare l'ecologia del paese.

La compensazione delle vostre emissioni vi consente di contribuire a contrastare i cambiamenti climatici.