Il 25 marzo del 2001, l'Islanda è entrata nella cooperazione di Schengen insieme ad altri 14 Stati europei. La cooperazione di Schengen al momento conta 26 membri. Ne fanno parte tutti i paesi dell'Unione europea, tranne Regno Unito, Irlanda, Romania, Croazia e Bulgaria. Anche i membri dello Spazio economico europeo (SEE), Islanda, Svizzera e Norvegia fanno parte dell'area Schengen.

Obiettivi della cooperazione di Schengen

  • Assicurare la libera circolazione delle persone oltre i confini degli Stati membri.
  • Rafforzare la lotta contro il crimine internazionale favorendo la cooperazione tra forze di polizia degli Stati membri.

In che modo Schengen influisce sui passeggeri provenienti da o diretti in Islanda?

I passeggeri che viaggiano nell'area Schengen non viaggiano insieme ai passeggeri provenienti da o diretti in uno Stato non Schengen.

  • Non sono previsti controlli alle frontiere per i passeggeri che viaggiano tra Stati Schengen.
  • Passeggeri diretti in Islanda da uno Stato non Schengen o che attraversano l'Islanda per recarsi in uno Stato Schengen:
    • i cittadini degli Stati membri dell'Unione europea e i cittadini islandesi e norvegesi sono sottoposti a controlli alla frontiera al loro arrivo in Islanda (controllo dei documenti di identità e di viaggio). Tenete a portata di mano il passaporto o altro documento di identità valido all'arrivo al controllo alla frontiera del terminal.
    • I cittadini di altri Stati sono sottoposti a controlli alla frontiera all'arrivo in Islanda (controllo dei documenti di identità e di viaggio, incluso visto o permesso di soggiorno ove richiesto, biglietto di ritorno, mezzi di sussistenza e motivo del viaggio). Tenete a portata di mano la documentazione necessaria all'arrivo al controllo alla frontiera del terminal.
  • I passeggeri in transito/trasferimento diretti nel Regno Unito o in Irlanda da uno Stato non Schengen non sono sottoposti a controlli alla frontiera al terminal dell'aeroporto Leifur Eiriksson. Regno Unito e Irlanda non hanno aderito alla cooperazione di Schengen e pertanto all'arrivo negli Stati i passeggeri sono sottoposti a controlli alla frontiera. I passeggeri che decidono di lasciare l'area non Schengen designata nel terminal dell'aeroporto Leifur Eiriksson per entrare nell'area Schengen, saranno sottoposti a controlli alla frontiera.

Al piano terra del terminal è stata predisposta un'area specifica, dotata di servizi e negozi, per questi passeggeri. I passeggeri sono invitati a non presentarsi ai controlli alla frontiera, se viaggiano da/verso Stati non Schengen.

I passeggeri diretti nel Regno Unito e in Irlanda dall'Islanda sono sottoposti a controlli all'uscita, se lasciano l'area non Schengen designata del terminal.

Un visto standardizzato sostituisce il sistema in vigore.

Il visto Schengen standardizzato è valido per i viaggi in tutti i paesi dell'area Schengen. Pertanto, non è richiesto un visto particolare per i viaggi in Islanda.

L'ambasciata islandese non emette più visti. Nel caso in cui la destinazione principale sia l'Islanda, è possibile richiedere il visto nelle ambasciate degli Stati Schengen, in più di 100 sedi in tutto il mondo, che emettono il visto per conto dell'Islanda.

Schengen non cambia le regole in merito ai controlli doganali alle frontiere dell'area Schengen. I passeggeri diretti in Islanda da un paese Schengen devono attenersi alle stesse regole in vigore in precedenza in merito all'importazione di articoli soggetti a dazio e sono sottoposti a controlli doganali quando entrano nel paese. In ogni destinazione si applicano le norme doganali vigenti.

Per richiedere un visto Schengen, visitate il sito web www.eurovisa.info